Licenza di pesca in mare: Sondaggio

Home Forum NORME E LEGGI SULLA PESCA Licenza di pesca in mare: Sondaggio

This topic contains 261 risposte, has 97 partecipanti, and was last updated by  longobucco802 5 years, 9 months fa.

Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 262 totali)
  • Autore
    Post
  • #252380

    Predatore
    Partecipante
    Quote:
    Non sono assolutamente d'accordo perché non risolverebbe nulla, se non spillarci quattrini inutilmente.
    Se lo spirito che porta a votare SI è l'aumento dei controlli sui pescasportivi, è assolutamente sbagliato, perché non sono i pescatori sportivi che vanno controllati, ma i pescatori professionisti o pseudo-professionisti.
    E se limitassero i permessi per la pesca a determinati giorni della settimana, quando siamo al lavoro?

    Mi hai letto nel pensiero, la vedo solo una Sola All'Italiana.

    #252381

    orbitante
    Partecipante

    Non sono assolutamente d'accordo.
    Se poi c'è qualcuno a cui piace pescare nei porti allora, solo in questo caso, potrebbe essere prevista una licenza provvisoria o permesso con pagamento di un "dazio". Ma credo che questi permessi, se non vado errato, vengono rilasciati.

    #252382

    ^NONNOROBY^
    Amministratore del forum
    Quote:
    Non sono assolutamente d'accordo.
    Se poi c'è qualcuno a cui piace pescare nei porti allora, solo in questo caso, potrebbe essere prevista una licenza provvisoria o permesso con pagamento di un "dazio". Ma credo che questi permessi, se non vado errato, vengono rilasciati.

    Purtroppo per noi, questo non possono farlo se non modificano la legge che vieta la pesca nei porti: in questo caso sarei il primo a sottoscrivere una licenza specifica (leggi=dazio) per la pesca nei porti.
    (Qui hai toccato un tasto dolente, quello dei permessi che certe capitanerie concedono ed altre no… Ma non mi dilungo, altrimenti andiamo OT. Questo argomento è stato comunque affrontato in appositi post di qualche mese fa, se vuoi rispolverarne qualcuno ti vengo dietro…).
    Ciao

    #252383

    sarag8
    Partecipante

    Questo è un problema che sulle riviste di settore è dibattuto oramai da molti anni……mettiamo che stessimo sognando, paghiamo un tot all'anno per la licenza, gli obiettivi dovrebbero essere ripopolamenti, maggiore vigilanza da parte degli organi preposti, quindi addio reti a 5 mt da riva, addio agli strascichi a 50 mt da riva….ecc. ecc. sarebbe bello no? peccato però che sia solo un sogno.

    Favorevole per i contenuti, contrario perchè è una pigliata per il  >w<calabria>w<

    #252384

    greybear
    Partecipante

    io sono molto in dubbio sia sull'utilità che sulla necessità della licenza: personalmente sarei d'accordo, ma in funzione della tutela dell'ambiente e a garanzia, di conseguenza, anche dell'attività di pesca  amatoriale.
    cerco di spiegarmi meglio con dei paragoni:
    – licenza di caccia, la gran parte dei cacciatori pugliesi si forniscono di licenza per poter uscire da casa con cane e fucile, ma poi vanno a cacciare in lucania e molise pagando il "dazio" per gli ulteriori permessi nelle
    altre regioni;
    – licenze di pesca in acque  interne: gli introiti di queste licenze dovrebbe essere utilizzate per  ripopolamenti, migliore gestione delle acque e repressione della pesca di frodo e dell'inquinamento,
    ma in pratica le nostre provincie e la regione puglia non fanno nulla e i controlli li fanno (feroci) solo su chi si é messo in regola.
    Con queste premesse la licenza di pesca in mare non alletta, se ne parla da anni, ma finora non se n'è
    fatto nulla perchè urtava la "sensibilità" (e gli interessi) indovinate di chi? dei professionisti: e non è
    un paradosso, maggiori controlli sui noi "dilettanti"  significano anche maggiori controlli per loro.
    (a prendere a testate un muro ci si rompe la testa e il muro è sempre la)

    #252385

    ^PEPPINO^
    Amministratore del forum

    Ho letto le vostre "osservazioni" e devo dire che le trovo quasi tutte condivisibili.

    Noi, da "pescatori sportivi" quali ci riteniamo, non credete che dovremmo muoverci, in qualche modo, per "difendere" il Mare?
    Al momento, è "terra di nessuno", dove chiunque fa quello che meglio crede e non è "tutelato" in nessun modo.

    Si dice, che i "pescatori sportivi", in Italia, siano circa tre milioni (stima approssimativa) ma comunque un numero enorme!
    Ma al momento, siamo soltanto tre milioni di "anonimi"!
    Certo, i controlli, in primis! Sia su noi stessi e di conseguenza su tutti gli altri!
    3 milioni di persone, sono un "marea" che "muovendosi compatta" può e deve essere ascoltata!

    Utopia? Potrebbe essere!

    Ma quanto pensate che il nostro Mare, potrà sopportare oltre?
    Forse, il punto di NON RITORNO, è già stato superato.

    #252386

    pegi 159
    Partecipante

    io credo sia impossibile una licenza per la pesca sportiva in mare.perche altrimenti si dovrebbe rispettare il fermo biologico imposto ai pescatori di professione, cosa che anche loro fanno fatica a rispettare,e le catture di pesci eccezzionali? magari quelle che si avvicinano alle coste durante il periodo di riproduzione?dovremo dimenticarle!non credo e qui ci  metto la mano sul fuoco che un pescatore con licenza,con una spigola in canna si preocupi se a le uova o meno e magari rilascarla.con questo non voglio dire che tutti quelli che pescano e praticano questo bellissimo sport si comportano allo stesso modo.con questo voglio dire anche, che non saranno un milione di pescatori con un milione di canne ad incrementare il disastro della fauna marina.per questo non sono d acordo.

    #252387

    Nathz
    Partecipante

    Non ho votato nel sondaggio, non ancora, pero' espongo qualche mia riflessione.
    Concordo con Peppino quando dice che se i "numeri" da anonimi diventassero un'entita' riconosciuta e con un certo "potere" (politico? economico?) forse si potrebbero portare all'attenzione degli enti preposti molti problemi che rovinano il nostro mare.
    Di contro, si dovrebbe avere la garanzia di controlli adeguati, fatti da gente competente, che facciano rispettare tutte le regole, misure minime, peso max del pescato, controllo sulle distanze di calata delle reti, periodi di chiusura (Si anche quelli sono giusti) per determinate specie e via dicendo.
    Se il tutto venisse fatto con criterio, responsabilita', oculatezza non potrebbe che essere un bene per tutti noi pescasportivi e per le nostre acque e quindi varrebbe la pena pagare il dazio imposto.

    #252388

    ^PEPPINO^
    Amministratore del forum
    Quote:
    …se i "numeri" da anonimi diventassero un'entita' riconosciuta e con un certo "potere" (politico? economico?) forse si potrebbero portare all'attenzione degli enti preposti molti problemi che rovinano il nostro mare.

    Esatto. La licenza, in primis, dovrebbe avere questo scopo.

    #252389

    Zoro86
    Partecipante

    Secondo me più che una licenza per i pescatori, ci vorrebbero maggiori controlli verso coloro che con le reti spopolano il mare (non mi riferisco a chi lo fa per mangiare, ma ai tanti possessori di barche che calano le reti per regalare il pescato ad amici e parenti). Mi trovo d'accordo con le vostre opinioni, sia quelle a favore, che quelle a sfavore della licenza, ma secondo me chi pesca con la canna, difficilmente crea gravi danni all'ecosistema marino. Io posso anche liberare un pescetto di 5 cm, ma se poi arriva l'anziano signore con la rete e lo riprende insieme ad altri 200, il mio gesto sarà stato inutile.

    #252390

    MINOSSE
    Partecipante

    Mi dispiace aver visto solo ora questo topic molto interessante, purtroppo ultimamente sono un po incasinato, comunque premetto che non ho dato una preferenza al sondaggio, perchè per alcuni aspetti sono pienamente daccordo per altri sono completamente in disaccordo, il "non so" non mi identifica perchè in realtà so…., e scusatemi il gioco di parole. Purtroppo so di vivere in una regione dove le regole sono fatte per essere rispettate dai "fessi", che poi io sono uno di questi e noi fessi non siamo scemi, ma siamo persone rispettose e diligenti, mentre i "furbi" le regole non sanno cosa sono e  purtroppo le autorità ed i politici premiano questa categoria. So benissimo che gli inciuci ed i furbi sono in tutta italia ma nel sud ce ne sono più del dovuto. Dico questo perchè l'istituzione di una licenza in una regione che già di suo è una regione attenta alle regole ed al rispetto dell'ambiete ed in italia ce ne sono tante che a noi nenche ci vedono, ripeto una iniziativa del genere sarebbe una manna dal cielo per i pescatori sportivi come noi che si vedrebbero ancora più tutelati di quanto già lo sono, e sicuramente pagherebbero anche volentieri. Ma purtroppo in calabria pagare una tassa per avere una licenza sarebbe solo una pigliata per il c…., come tanti utenti hanno detto, è vero una licenza ci farebbe diventare un'entità ma ci scontreremmo con un muro di gomma, un muro fatto dai professionisti che muovono migliaia di milioni di euro l'anno e che danno lavoro a tanta gente e secondo voi noi pescatori amatoriali potremmo qualche cosa contro un colosso del genere, forse vi siete dimenticati che l'attuale ministro dell'agricoltura e della pesca che parla tanto e che a suo dire cerca di valorizzare il made in italy e soprattutto che ci tiene al rispetto dell'ambiente e delle risorse, l'anno scorso quando si è trattato di prorogare al sud la pesca della neonata per altri 30 giorni non si è neanche posto il problema di che impatto poteva dare una proroga del genre sulla fauna, ma cosi facendo ha parzialmente chiuso la bocca ai professionisti che si lamentavano del caro gasolio, e se vi ricordate bene non si vedeva volare neanche un elicottero per controllare i tanti pescatori di frodo sprovvisti di licenza che catturavano la neonata, vi siete chiesti perchè. Quindi alla fine secondo me qui da noi si tradurrebbe in un accanimento contro noi pescatori sia per quelli che hanno la licenza che verrebbero controllati tipo delinquenti e magari per coloro che vanno a pesca una volta al mese e che non frequentano forum e non leggendo riviste del settore, si vedrebbero una bella multa per non sapere che è stata introdotta la licenza, mentre i pescatori professionisti e di frodo continuerebbero a fare i loro porci comodi come hanno sempre fatto anche con la complicità delle autorità competenti e ne ho la prova proprio nel mio paese. Abbiamo una delegazione della guardia costiera dientro il porto, hanno un caseggiato dove ci sono i loro uffici ed hanno il porto a 100mt con due imbarcazioni, ebbene io d'inverno non li ho mai visti uscire a fare dei controlli, mentre d'estate magari ti fai la pescatina a "surici" e poi si accostano per vedere cosa hai pescato e se sei in regola…..ma dico io gli occhi li hanno solo per noi …….e quando buttano le reti vicino l'entrata del porto che cavolo guardano??? Quindi dico che in regioni più evolute forse questa licenza avrebbe un senso ma da noi che siamo per volere della 'ndrangheta e dei politici compiacenti nel 4° mondo ciò non avrebbe senso. E poi sono convinto che una licenza difficilmente verrà mai istituita perchè andrebbe a ledere inevitabilmente gli interessi del settore, perchè con una tassa tanti pescatori della domenica rinuncerebbe a farsi la pescatina e ciò comporterebbe una perdita per tutto il comparto, o forse come succede per tante cose verrebbe lasciata la decisione ultima alle varie regioni se istituire o meno una licenza e state sicuri che in calabria non verrebbe mai attuata.
    Questo è il mio pensiero condivisibile o no ma è quello che penso sull'argomento.
    Mino.

    #252391

    andreailsub
    Partecipante
    Quote:
    Ho letto le vostre "osservazioni" e devo dire che le trovo quasi tutte condivisibili.

    Noi, da "pescatori sportivi" quali ci riteniamo, non credete che dovremmo muoverci, in qualche modo, per "difendere" il Mare?
    Al momento, è "terra di nessuno", dove chiunque fa quello che meglio crede e non è "tutelato" in nessun modo.

    Si dice, che i "pescatori sportivi", in Italia, siano circa tre milioni (stima approssimativa) ma comunque un numero enorme!
    Ma al momento, siamo soltanto tre milioni di "anonimi"!
    Certo, i controlli, in primis! Sia su noi stessi e di conseguenza su tutti gli altri!
    3 milioni di persone, sono un "marea" che "muovendosi compatta" può e deve essere ascoltata!

    Utopia? Potrebbe essere!

    Ma quanto pensate che il nostro Mare, potrà sopportare oltre?
    Forse, il punto di NON RITORNO, è già stato superato.

    Ma tutelati da cosa?difendere il mare da chi e sopportare che cosa?
    Siamo forse noi pescatori da "riva" che abbiamo rovinato il mare?
    Quindi secondo te noi dovremmo pagare pure una tassa pei i guai che fanno e hanno fatto  altri ,che con la pesca non centrano niente.
    Che danni possiamo causare,di così grave,irreversibili, noi che peschiamo da riva?
    iL non rilascio di pesci sotto misura,forse?
    Ci vuole una licenza per questo? stà alla coscienza del singolo pescatore,anche tenere pulito il posto di pesca..
    Poi credo che siamo già limitati,vedi divieti di pesca nei porti e orario di pesca dalle 20 alle 8 del mattino nei mesi estivi(non vorrei sblagliare con gli orari)
    Non siamo noi che dobbiamo pagare la licenza,ma i pescatori professionisti…
    Noi danni al mare non ne facciamo,semplicemente perchè lo amiamo,e non voglio essere il parafulmine di nessuno..
    licenza in mare pura follia…per me

    #252392

    ^VITTORIO^
    Partecipante
    Quote:
    3 milioni di persone, sono un "marea" che "muovendosi compatta" può e deve essere ascoltata!

    Sono d'accordo con Peppino. Cifre come queste sono significative… se si vogliono raggiungere degli obbiettivi. Una volta regolarizzate….. queste persone possono far sentire la propria voce …anche istituendo delle associazioni atte a salvaguardare il mare. Con l'istituzione di associazioni sportive e/o amatoriali … funzionerebbe più o meno come i circoli di caccia. I pescatori sarebbero i controllori/controllati.
    Inoltre, ricordiamoci che siamo un popolo di consumatori.
    Questo per dire …. che se intendiamo boicottare i prodotti provenienti dalla pesca illegale … uniti possiamo riuscire a far muovere qualcosa, indipendentemente dall'effettuazione dei controlli da parte degli organi preposti.
    Ben venga la licenza di pesca in mare.

    #252393

    andreailsub
    Partecipante

    Io forse sono un pò stupido, ma propio non riesco a capire il fine di una licenza in mare,
    per noi pescatori dilettanti..
    Qual'è l'obbiettivo da raggiungere?
    Qual'è secondo voi il giusto prezzo da pagare per una licenza in mare?
    E ,soprattutto,questi soldi verrebbero usati per fare cosa ?! magari per ripopolare tutte le coste italiane!? "assurdo"

    Ma ancor di più mi dovete dire quali danni possiamo causare, di così catastrofici, noi pescatori non professionisti tale da doverci imporre una tassa,per salvaguardare i pesci e l'ambiente..
    Non credo che siamo così stupidi da pensare che Peppino (ipotesi) abbia mandato la spigola in via di estinzione,tanto da vietarne la pesca nei periodi di riproduzione!!!
    Non mi esprimo propio sul fatto della sporcizia e dell'inquinamento del mare,perchè incidiamo veramente lo 0,00000001%,e non venitemi a parlare di buste e bottigliette,perchè se no dobbiamo mettere la licenza pure ai bagnanti,sta a discrezione del singolo individuo,se uno nasce porco muore porco,con o senza tassa..

    Di questi 3 milioni di pesca sportivi,quindi dilettanti quanti ne rimarrebbero se verrebbe approvata questa legge? meno della metà secondo me..

    #252394

    ^OLTREMARE^
    Partecipante

    Se non è stata imposta finora una tassa/licenza per la pesca in mare, significa che questa manovra andrebbe ad urtare gli interessi di qualche lobby (minor vendita di attrezzature, esche ecc) oppure non si ritiene che possa rappresentare una voce di bilancio corposa. Personalmente sono a favore della licenza se questa servisse ad eliminare il problema dei pescatori della domenica che qui in Liguria non è trascurabile. Questa zona è un ricettacolo di distruttori che in estate e non solo fanno mattanze di pesciolini di qualunque genere. Ritengo quindi che l'introduzione di una licenza possa rappresentare un deterrente.
    Il rovescio della medaglia è rappresentato da quanto ha detto Nonnoroby nel senso che passare poi alla limitazione dei giorni di pesca il passo e breve e questo non mi starebbe proprio bene 

Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 262 totali)

Devi essere connesso per rispondere a questo topic.