leggende metropolitane…RACCONTA STORIA+INCREDIBILE CHE HAI SENTITO O VISSUTO

Home Forum SEAFISHING FORUM BAR leggende metropolitane…RACCONTA STORIA+INCREDIBILE CHE HAI SENTITO O VISSUTO

This topic contains 98 risposte, has 50 partecipanti, and was last updated by  vincenzo1998 10 years, 11 months fa.

Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 99 totali)
  • Autore
    Post
  • #205970

    Visitatore
    Partecipante

    Un mio conoscente che reputo attendibile mi raccontava un pò di tempo fa che su alcune spiagge cittadine di Genova vi è qualcuno che si cimenta alla caccia al branzino usando dei topolini vivi come esca  >xcalabria>x<

    #205971

    rioken
    Partecipante

    quando avevo la tenera eta' di 13 anni ci affitavamo il pedalo' per andare al largo e pescare  un giorno con la mia cannetta che avevo comprato 100 mila lire per il vj (perche' pescavamo a cernie in una fossa ^^)
    sento una grande abboccata la mia espressione è stata "minchia a iurnata a fici ora" incomincio la lotta il pesce riusciva a spostare il pedalo' ma in modo leggero io ero quasi pronto per cadere a mare quando alzo gli occhi e vedo una pinna che veniva verso di noi il mio amico "daniele" mi dice giacomo un delfino io guardo meglio e vedo che era uno squalo mentre lotto con il pesce lui prontamente chiede aiuto a un passante con una piccola barca che pescava a polipi  questo arriva con la barca e mi fa salire su intanto lo squalo si avvicinava sempre piu quando ad un certo punto scompare e sento un grande strattone che mi fa quasi cadere in acqua il pescatore pronto mi aiuta e io continuo il mio recupero solo che sentivo moolto piu leggero il recupero ho detto tra me e me  sto gran figlio di….. si è mangiato il pesce  calabria2  recupero un po piu veloce e salgo un cernia piu di 5 kg solo che mancava la coda e un pezzo di corpo  vabbe dico io meno male qualcosa l'ho recuperata  passo la canna al mio amico daniele e salgo sul pedalo il CARISSIMO pescatore mi dice ok ciao ragazzi e grazie …..GRAZIE??? di cosa penso io e parte con il motore  sto gran figlio di una caliente donna se ne va con la MIA cernia ancora attaccata al raffio  e da allora lo sto cercando giuro ragazzi ci so rimasto malissimo era meglio se mi uccidevano che fregarmi in quel modo ho girato tutti i paesi da bagnara a lazzaro per trovare quanto meno la barca e fare il falo' ma niente

    #205972

    Dom80
    Partecipante

    Ma altro che falò, lo devi dare in pasto alla squalo, dovessi ritrovarlo !!! >xcalabria>x<

    #205973

    Dom80
    Partecipante

    Ma altro che falò, lo devi dare in pasto alla squalo, dovessi ritrovarlo !!! >xcalabria>x<

    #205974

    willie
    Partecipante

    calabria3 Allora vi raccontoi un fatto veramente accuduto una settimana fà in località Bocale di Reggio Cal. quel giorno,erano circa le 15,30 orario che Io tutto i giorni mi reco a mare,con la mia famiglia. Arrivato in spiaggia mentre mi attingevo a piantare l'ombrellone e relativa canna da pesca( attrezzo immancabile) mi senti chiamare  con voce esplosiva,mi giro e vedo una mia conoscente che veniva correndo verso di Me addicendo di correre immediatamente che a circa 100 metri piu' avanti c'era suo fratello di nome Pippo che aveva la canna in mare e che aveva preso un grosso pesce ed era stanco morto non c'è la faceva piu a reggere la conna:Immediatamente lasciando il tutto sulla spiaggi corsi insieme a Lei e suo figlio verso il punto dove si trovava Pippo:Arrivati domandai che cosa era successo e se sapeva presumibilmete cosa avesse abboccato. Lo stesso mi riferiva che aveva lasciato la canna infissa nel paletto reggicanna,il tempo che Lui si portava verso l'ombrellone,ha notato sottocchio che la canna si era tutta incerchiata verso il mare  e sentiva lo stridio del mulinello che chiamava filo a tutta birra. Tengo a precisare che la canna da Lui itilizzata è una canna che pescava ad aguglie di m.4.50 braccioulo 0.16 amo 14 filo in bombina 0.20 mulinello Tica per la capienza di cira 200 m. immagginate un po' Voi in che situazione si trovava .dopo tutto questo giustamente specificato mi riberifa che si trovava in quella posizione da circa 30 minuti ed stanco a tenere la canna sempre incerchiata e non poter raccogliere nemeno 10 m. di filo. Mentre cercavo di prendere la canna vedevo che ancora chiamava filo e che ll'inetrno della bombina erano rimasti circa 20 m. di filo. Allora in vece di prendere la canna gli dissi di abbassare la canna sempre tenendola in forza che Io prendevo il filo nelle mani e lui poi raccoglieva. Preso il filo effettivamente sentivo tirararmi verso mare, dicendo a Pippo di dare frizione tenendo nel palmo della mano la bombina lasciandola andare a poca alla volta.Ormai visto che filo in bombina non c'e nera piu' optai a forzare la mano o veniva o tagliava tutto.Incominciando la fase di recupero ogni 5 – 6 metri mi sentivo tirare ma non con testate in cui si è abituti a sentire quei sprapponi,mi sentivo tirare solamente.Le frasi ricorrenti erano quelle che il pesce ormai era quasi morto e veniva verso la riva a bocca aperta. Nel frattempo la spiaggia si era riempita di persone non vi voglio esagere ma c'erano circa 100 persone fra bambini,donne uomini e piu' nè a piu ne metta. E poi non vi dico che ogniuno di loro si faceva la propria opinione semore a voce alta che tipo di pesce poteva essere.  Chi diceva Cernia-Spigola-Orata-Tonno-pescespada,e altre varietà di pesci di una certa taglia. (domani continuo il racconto ora devo andare a mare con mia moglie) a domani ciao.

    #205975

    willie
    Partecipante

    Allora dicevamo,che ognuno dei presenti in quella spiaggia ,si faceva la propia opinione su quale tipo di pesce si trovava allamato. Dopo circa 15 minuti di reggere il filo nelle mani,percepivo un leggero cedimento,allora mi feci coraggio ed inzio a raccogliere con un ritmo lento e continuo senza fermarmi un attimo.Nel frattempo avevo tirato su circa 20 metri di filo(immagginatevi,chè la stessa situazione che si trova uno che tira un polipo a mano filo teso all'inverosimile)detto questo,alle mie spalle Pippo mi incitava a continuare e che era sempre pronto con la canna eventualmente a tirarlo Lui. Gli feci un cenno con la testa che avrei continuato,in dieci minuti penso di aver raccolto circa 50 metri di filo,quando allentavo un po sentivo nuovamente che tirava il filo verso l'interno,allora Pippo stufo di quella situazione che si era creata m'incitava a forzare la mano e mi (diceva o la va o la spacca) allora io con tutta la mia forza e decisione incominciai a raccogliere a lunghe bracciate.raccogliendo filo a tutta forza. Le persone presenti incominciavano a imprecare perchè stavamo facendo questo e sarebbe stato un peccatto perdere quel pesce dopo tanta fatica.Non vi dico il mormorio che c'era in spiaggia dietro di noi a fianco a noi,chi ci voleva porta dell'acqua per rinfrescarci un po',non vi dico il sudore che ci usciva da corpo, sembrava di essere in una sauna(no Filandese ma TURCA)Dopo un po' Pippo mi dice che il filo dalla parte Azzurra era finito e che incominciava quello di colore verde e che ancora c'erano in tutto circa 50 metri di altro filo.Di fronte a noi a circa 20 – 30 metri,c'erano ormeggiati 2 motoscafi proprio sulla linea in cui raccoglievamo il filo.Pippo con il suo solito umorismo mi fa':Nino vuoi vedere che il pesce come vede l'ombra del Motoscafo s'infila di sotto e noi non lo tiriamo piu'? A quel punto mi fermo di raccogliere e dico alla sorella di Pippo di mandare a suo figlio Paolo ad andare e prendere la maschera e le pinne e in piu la fiocina.Detto fatto nel giro di due minuti già si trovava vicino a noi pronto per buttarsi a mare e vedere quello che poteva fare.Allora sia Io che Pippo incominciammo araccogliere ma piu raccogliavamo e piu' vedevamo che il filo si metteva in direzione del motoscafo.Subito ci siamo fermati e dicendo a suo nipote di andare a vedere di che cosa si trattava essendo il filo arrivato a circa 30 metri da noi e che c'era il rischi che il filo s'incastrava fra la boa e la corda del motoscafo.Insieme a lui si buttano in acqua altri due ragazzi per andare a vedere l'evolerversi della situazione sottoacqua.(Ma solo curiosita).Arrivati proprio sotto il motoscafo vedemmo il nipote di Pippo alzare la testa all'improvviso e cominciare a nuotare a tutta birra verso la spiaggia seguito subito dagl'altri due ragazzi che nuotavanno velocemente verso riva.Non vi dico lo stupore che incomincio che suscito nelle persone che erano li presenti,i genitori di quei due ragazzi che gridavano e andando incontro hai figli la sorella di Pippo che gridava il nome di suo figlio,non vidico quello chèra successo in quella spiaggia poco mancava che arrivavano pure Carabinieri e Polizia.Arrivato a riva il nipote di Pippo non c'è la faceva a parlare e sembrava essere spaventato a morte cosi pure quei due ragazzi. Subito ognuno voleva sapere cosa avevano visto,a loro dire avevano visto una grande macchia scura che saliva verso l'alto e poi scendeva in basso.Gli altri due ragazzi dicevano che avevano visto un grosso pesce e che sembrava un squalo cfe saliva e scendeva e chè era propio sotto di loro per questo si erano spaventati.Le persone presenti nella spiaggia incominciavano a dire di tagliare il filo e lasciarlo andare altri che dicevano di continuare a raccogliere e vedere di che cosa si tratta a,altri che si prenedevano i bambini e si allontanavamo dalla spiaggia,non vi dico la confusione che si era creata e la paura che si percepiva in alcune persone.(La continuazione domani,devo uscire con mia mopglie e i bambini) a domani.

    #205976

    ^DAVIDE^
    Partecipante

    Willi ci stai tenendo sulle spine….
    E' un caso che sta storia finisce sempre sul più bello??
    Sembra una telenovelas <xcalabria>x<

    Comunque sono sicurissimo di aver capito di cosa si trattava…ma non lo dico se no rovino la sorpresa agli altri….

    #205977

    Visitatore
    Partecipante
    Quote:
    Willi ci stai tenendo sulle spine….
    E' un caso che sta storia finisce sempre sul più bello??
    Sembra una telenovelas <xcalabria>x<

    Comunque sono sicurissimo di aver capito di cosa si trattava…ma non lo dico se no rovino la sorpresa agli altri….

    cocordo con Davide dai non tenerci sulle spine dai facci sapere com'è andata a finire il lietofine di questa bella relenovelas

    #205978

    Visitatore
    Partecipante

    Dunque, di storielle di pesca ne conosco diverse ma alcune, anche se divertenti, sono palesemente delle bufale. Ve ne racconto una vera cui sono stato spettatore.
    Tanti anni fa, quando mi dedicavo anche alla pesca alla trota in torrente, abitavo in un paesino vicino ad un bel fiume con delle pozze ricche di barbi, cavedani, tinche, carpe e alcune fario da capogiro.
    Un pomeriggio andiamo con mio cognato a tentare la sorte.
    Quel giorno le trote erano latitanti, solo qualche piccolo esemplare rilasciato.
    Io decido di dedicarmi ai cavedani con il sambuco ed ai barbi con i lombrichetti.
    Tantissime catture, tutte rilasciate. Ad una certa ora decido di andar via e mio cognato rimane perchè dice di averne strappata una enorme sotto un alto costone roccioso.
    Aspetto ancora cinque minuti e vedo che l'azione di pesca era estenuante.
    Far passare la coroncina di pallini là sotto con una sei metri era un'impresa quando ci voleva una 10 metri, in più rimaneva attaccato a rami e sterpaglie una volta su due. Ma tant'è è rimasto.
    All'imbrunire mi ero dimenticato di lui quando il clacson del motorino mi fa uscire sul terrazzo e te lo vedo con un sorriso da orecchio a orecchio. Lo invito a salire in casa a bere qualcosa.
    Mi racconta che l'ha presa mettendo un galleggiantino che permetteva all'esca di scendere rasente alla roccia. Che con altre esche non ha avuto abboccate finchè non ha trovato dei portasassi che hanno beffato la trota. In pratica ha sudato sette camicie ma ne valeva la pena per un esemplare intorno al chilo.
    Beh, dico io, facciamo una foto ricordo.
    Il tonto l'ha lasciata in un sacchetto attaccata al manubrio del motorino.
    Andiamo fuori ma il sacchetto è stracciato e vuoto.
    Capisco subito l'autore del misfatto: il gattone dei vicini.
    Infatti andiamo alla ricerca e lo troviamo beato, sdraiato a gustarsi quell'esemplare bellissimo di fario.
    E pensare che mio cognato ne aveva trattenuta una piccola proprio da portare al micio. <<<calabria<<<

    #205979

    Dom80
    Partecipante

    <xcalabria>x< <<<calabria<<< <xcalabria>x<  grande gatto, ma pure il cognato, come si fa???

    Willie, domani è arrivato e della fine della storia non trovo traccia ? <xcalabria><x

    #205980

    Visitatore
    Partecipante

    Sperando che ci sia posto anche per le "bufale", vi racconto anche questa.
    Anni fa ogni tanto mi incontravo con un pescatore anzianotto piuttosto folkloristico.
    Aveva appeso le tradizionali canne al chiodo e usava un pezzo di bambù da un metro con un pezzo di lenza, un piombo ricavato da vecchi scarichi idraulici, amo generoso e per esca solo pezzi di granghio. Si dedicava alla pesca nelle buche fra le scogliere e devo dire con ottimi risultati visto che tirava fuori fior di mostelle, corvine ecc. Utilizzava anche una canna in bambù in due pezzi autocostruita, vanto del fai da te, abbinata ad un vecchio Alcedo di archeologica memoria.
    Proprio con quest'ultima attrezzatura, mi raccontò, aver fatto la sua pescata più memorabile.
    Un giorno, sulla solita scogliera bassa, innesca una sarda e lancia a fondo con la sua canna. Nell'attesa srotola un cordino dal sughero alla cui estremità era legata una polpara con zampa di gallina annessa e lancia anch'essa a pochi metri mettendo la tavoletta in piedi sullo scoglio.
    Da lì a poco la canna si anima e dopo un combattimento estenuante avvicina ai piedi della scogliera un bel branzino stimato intorno ai tre chili. Il pesce effettua un'ultima fuga sottoriva ma la lenza si va ad impigliare sotto qualche scoglio. Tutto inutile. La vecchia lenza alla fine cede e lui deve rinunciare alla bella preda.
    Nel frattempo vede che la tavoletta con la polpara si è abbassata, segno che probabilmente un polpo si è attaccato. Recupera il cordino con grande fatica e già pensa ad una mostruosa piovra visto l'enorme peso.
    Quando il tutto gli arriva sotto i piedi, sorpresa delle sorprese, c'è attaccato un polpo di oltre un chilo che tiene fermamente stretto fra i tentacoli la spigola strappata poco prima e che, ormai esausta, si è fatta ghermire dal cefalopode.  <<<calabria<<< <<<calabria<<<
    Che dire, a distanza di anni, ripensandoci mi piego dalle risate ma la raccontava (purtroppo è passato a miglior vita) con tanta serietà e sempre nella stessa versione che un pò di dubbio mi veniva.

    #205981

    ^PEPPINO^
    Amministratore del forum

    A proposito di "prede multiple".

    Da premettere che non è una leggenda ma è un fatto accadutomi realmente.

    Pescavo su una secca, nei pressi di Falerna Lido, profondità 45 mt. come esca usavo dei calamaretti interi. Verso metà mattinata una delle 3 canne si piega, in modo abbastanza irruento!
    Inizio il recupero, testate violente, tira e molla, per un pò e poi dopo averlo tirato per una decina di metri, veniva a peso morto!
    Pensavo, sarà una cerniotta ma invece, con mio stupore, vidi "aggallare" uno scorfano sui 3,5 kg!
    Bellissimo, di un rosso "vermiglio" (anche se, dare del bellissimo a uno scorfano) non è una cosa che rende l'idea! Ma per un pescatore, anche uno scorfano, può essere bello! Mah!

    Appena lo salpai in barca, rigurgitò un polpo sul chilo! era morto ma freschissimo! Evidentemente la digestione non era ancora iniziata.

    Continuai a pescare per un'altra oretta, dopodicchè, accesi il motore e mi avviai verso il porticciolo.
    Mentre navigavo, pensavo: se mi fossi portato dietro qualche artificiale per la traina, magari potrei "acchiappare" qualcosa!
    Ma niente, non avevo proprio niente, da poter trainare!

    Ad un certo punto, mi dissi: e se taglio un tentacolo al polpo? Magari spellato e con un paio di ami? Forse potrebbe funzionare! Detto fatto!

    Misi in traina il mio "artificiale/naturale" e, credetemi, dopo un centinaio di metri, la canna si piegò violentemente! OH cavolo! pensai, la solita busta!  calabria2
    Ma preso la canna in mano, si ripiegò con violenza! Allora è un pesce esclamai!  numero 1
    E si, era una bella palamita sui tre kg!  numero 1

    Non ci potevo credere, avevo fatto tris!  >s<calabria>s< >s<calabria>s< >s<calabria>s<

    SCORFANO (3,5 KG) + POLPO (1 KG) + PALAMITA (3 KG)
    TOTALE 7,5 KG
    e solo con un calamaretto di appena 50/60 gr.!!!

    Ora mi domando e dico: secondo Voi è stato C…LO? (fortuna)?

    #205982

    Visitatore
    Partecipante

    No caro Peppino, questa è semplicemente arte nell'arrangiarsi……………….. premiata da una dose di posteriore che non fa mai male

    #205983

    ^DAVIDE^
    Partecipante
    Quote:
    Ora mi domando e dico: secondo Voi è stato C…LO? (fortuna)?

    Hai pure la faccia tosta di chiederlo…….
    culo.jpg [size=20pt]mostruoso!!! [/size]  <xcalabria>x< <xcalabria>x<

    #205984

    ^PEPPINO^
    Amministratore del forum

    Hai proprio ragione, a volte, però, un pò di fortuna, non guasta!
    Rimango, comunque dell'idea che "la fortuna aiuta gli audaci"
    Tradotto, in poche parole: bisogna essere pronti a sfruttare tutte le situazioni che ci possono capitare!

Stai visualizzando 15 post - dal 16 a 30 (di 99 totali)

Devi essere connesso per rispondere a questo topic.